prevenzione

informammella

come fare

Classificazione TNM

La classificazione del carcinoma mammario, secondo il sistema TNM è riconosciuta da due dei più importanti organismi scientifici: International Union Against Cancer (UICC) and the American Joint Committee on Cancer (AJCC).

Usualmente nella cartella clinica troverà delle sigle che permettono di definire in un “linguaggio” tecnico la classificazione della neoplasia dopo la valutazione del pezzo operatorio: pTNM , ricorrendo a tre parametri:

  • l’estensione in centimetri del tumore primitivo (fattore T);

  • l’estensione del coinvolgimento linfonodale (fattore N);

  • presenza o assenza di metastasi a distanza (fattore M).

La combinazione dei tre elementi permette di assegnare il singolo tumore ad uno stadio che ha una prognosi e una terapia proprie.

Questa sigla viene utilizzata sia prima dell'intervento o terapia medica: stadiazione clinica (cTNM); sia all'atto della terapia chirurgica: stadiazione chirurgica (sTNM); sia sul pezzo operatorio quindi dopo lo studio anatomo-patologico: stadiazione patologica (pTNM).

Di seguito Le riportiamo la tabella di riferimento per la classificazione clinica, quella “patologica” ovvero del pezzo operatorio non si discosta molto per il parametro T (evidenziando se i margini della lesione sono “liberi” o infiltrati) mentre è più complessa e completa per il parametro N (linfonodale) in relazione al numero ed alla sede (I-II livello) dei linfonodi colpiti da malattia:

T= Tumore primitivo

Tx

Il tumore primitivo non può essere definito

T0

Non segni del tumore primitivo

Tis

Carcinoma in situ; carcinoma intraduttale, o carcinoma lobulare in situ o malattia di Paget del capezzolo senza che sia evidenziabile il tumore

T1

Tumore di 2 cm o meno nella dimensione massima

 

T1a Tumore di 0,5 cm o meno nella dimensione massima

 

T1b Tumore superiore a 0,5 cm ma non più di 1 cm nella dimensione massima

 

T1c Tumore superiore a 1 cm ma non più di 2 cm nella dimensione massima

T2

Tumore superiore a 2 cm ma non più di 5 cm nella dimensione massima

T3

Tumore superiore a 5 cm nella dimensione massima

T4

Tumore di qualsiasi dimensione con estensione diretta alla parete toracica o alla cute

 

T4a Estensione alla parete toracica

 

T4b Edema (inclusa la pelle a buccia d’arancia), od ulcerazione della cute della mammella o noduli satelliti della cute situati nella medesima mammella

 

T4c Presenza contemporanea delle caratteristiche di T4a e T4b

 

T4d Carcinoma infiammatorio

N= Linfonodi regionali (a livello ascellare)

Ni

I linfonodi regionali non possono essere definiti (ad esempio se precedentemente asportati)

N0

Non metastasi nei linfonodi regionali

N1

Metastasi in linfonodi ascellari omolaterali mobili

N2

Metastasi in linfonodi ascellari omolaterali fissi tra di loro o ad altre strutture

N3

Metastasi nei linfonodi mammari interni omolaterali

M Metastasi a distanza

Mi

La presenza di metastasi a distanza non può essere accertata

M0

Non metastasi a distanza

M1

Metastasi a distanza (comprese le metastasi nei linfonodi sopraclaveari)

E' importante sottolineare che il materiale di questa pagina è divulgativo e non si sostituisce ai chiarimenti che il suo oncologo “senologo” le fornirà in maniera più dettagliata.

diagnosi

formazione medici

il referto

contattaci

faq protesi

lifestyle

disclaimer

Le informazioni fornite sul presente sito sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio del proprio medico curante. 

 
Nessuno dei singoli contributori, operatori, sviluppatori, ecc. può esser ritenuto responsabile dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo od anche un mero tentativo di utilizzo di ciascuna informazione pubblicata su mammella.org

Questo sito utilizza solo cookie (file di testo) per esclusivi motivi tecnici e di fruibilità navigazione. 
L'utente potrà eventualmente disabilitarli attraverso il proprio browser. Per le relative procedure e per approfondimenti si rinvia alla 
PRIVACY POLICY