prevenzione

informammella

come fare

In questa pagine tenteremo di spiegarLe una serie di sigle che si trovano in genere allegate al risultato definitivo.

Esse sono espressione delle proprietà biologiche del tumore in relazione ad una serie di parametri che vengono studiati dal patologo e che sono molto importanti sia per stabilire l'aggressività del tumore sia per pianificare correttamente la terapia dopo l'intervento chirurgico.

ER = recettore per estradiolo. Viene generalmente espresso da una percentuale (%). In linea teorica maggiore è la percentuale più è alta la possibilità di una risposta positiva al trattamento medico dopo l'intervento.

PrG = recettore per il progesterone. Viene generalmente espresso da una percentuale (%). In linea teorica maggiore è la percentuale più è alta la possibilità di una risposta positiva al trattamento medico dopo l'intervento.

Anti-KI67 = Indice di proliferazione. E' un antigene (cioè una piccola sostanza legata alle cellule che proliferano). Viene generalmente espresso da una percentuale (%). In linea teorica più alta è la percentuale maggiore è la velocità di proliferazione = accrescimento della neoplasia.

c-erbB-2 o neu (Anti-HER-2/neu): E' un oncogene ovvero un gene modificato che porta a delle modificazioni di tipo neoplastico, tumorale le cellule che lo posseggono. Viene generalmente espressa in percentuale (%) con un punteggio di intensità di marcatura con valori compresi tra 0 e 3. La sua “iperespressione” (presenza con valori percentuali alti e intensità elevata) si associa generalmente a una prognosi peggiore, con dimostrazioni però più contrastanti per i tumori con linfonodi non infiltrati e più concordi nei tumori con infiltrazione linfonodale, trattati con polichemioterapia;

p53: E' un oncogene ovvero un gene modificato che risulta mutato in circa il 25-30% dei tumori mammari. Numerosi studi hanno dimostrato che in pazienti allo stadio primo, trattate solo con terapia locoregionale, ossia in situazione di storia naturale, la ripresa di malattia è circa due volte più elevata per i tumori in cui è presente il p53.

Bcl-2: E' un oncogene ovvero un gene modificato la sua assenza, in molti studi, si è dimostrata essere un importante fattore prognostico sfavorevole, tuttavia il suo ruolo non è indipendente da quello di p53 con la quale è significativamente e inversamente correlato.

E' ancora una volta utile ricordarLe che queste informazioni sono solo di tipo divulgativo e necessitano, per una corretta comprensione in tutti i loro aspetti, di un colloquio con il suo oncologo “senologo”.

diagnosi

formazione medici

il referto

contattaci

faq protesi

lifestyle

disclaimer

Le informazioni fornite sul presente sito sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio del proprio medico curante. 

 
Nessuno dei singoli contributori, operatori, sviluppatori, ecc. può esser ritenuto responsabile dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo od anche un mero tentativo di utilizzo di ciascuna informazione pubblicata su mammella.org

Questo sito utilizza solo cookie (file di testo) per esclusivi motivi tecnici e di fruibilità navigazione. 
L'utente potrà eventualmente disabilitarli attraverso il proprio browser. Per le relative procedure e per approfondimenti si rinvia alla 
PRIVACY POLICY